Il servizio è attivabile mediante voucher da parte del medico di medicina generale come previsto dalla normativa di riferimento e prevede prestazioni di tipo socio-assistenziali integrate e riabilitative. Si chiama appunto assistenza domiciliare perché avviene al domicilio; integrata perché integra prestazioni sanitarie e socio-sanitarie, definite in base alla natura e ai bisogni della persona

FINALITA’
L’ADI è pertanto finalizzata ad assicurare alla famiglia della persona un reale supporto per:

  • migliorare la qualità della vita quotidiana ed allontanare nel tempo il ricorso a unità d’offerta residenziali;
  • stabilizzare il quadro clinico della persona a seguito di dimissione ospedaliera;
  • garantire la continuità dell’assistenza tra sistema sanitario, socio-sanitario e sociale;
  • prevenire e/o limitare il deterioramento della persona in condizione di fragilità.

 

Destinatari

L’A.D.I. è rivolta a persone in situazione di fragilità, caratterizzate dalla presenza di:

  • situazione di non autosufficienza parziale o totale, di carattere temporaneo o definitivo
  • condizione di non deambulabilità e di non trasportabilità presso presidi sanitari ambulatoriali in grado di rispondere ai bisogni della persona
  • rete famigliare e/o formale o informale di supporto
  • condizioni abitative che garantiscano la praticabilità dell’assistenza acquisite anche a seguito di azioni necessarie per il superamento di eventuali fattori ostativi (esempio barriere architettoniche)

Attivazione della presa in carico

    Attivazione del processo ADI può avvenire attraverso le seguenti modalità:

    • prescrizione del Medico di Medicina Generale/ Pediatra di libera scelta (ricetta rossa);
    • dimissione Ospedaliera (richiesta su ricetta rossa del medico ospedaliero);
    • prescrizione di medico specialista.

    L’Utente si reca, con il referto specialistico, dal proprio MMG il quale prescriverà un voucher su ricetta rossa che invierà al Servizio Cure Sociosanitarie dell’ATS competente. L’utente sceglierà l’ente erogatore presso il quale ottenere le prestazioni.
    Il personale del Servizio Cure Sociosanitarie si recherà al domicilio dell’utente per una valutazione ed invierà all’ente erogatore un profilo del paziente.
    Lo stesso ente erogatore si recherà, quindi, al domicilio per la compilazione della cartella domiciliare. Ove le valutazioni del Servizio Cure Sociosanitarie e dell’ente erogatore coincidessero avranno inizio le cure.

    Personale addetto

    Il Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata della Fondazione Bruno Pari si propone, nei confronti degli utenti cui è destinato, di raggiungere gli obiettivi sopra indicati attraverso le seguenti professionalità:

    • Responsabile Medico Sanitario
    • Medico Geriatra/internista
    • Medico Fisiatra
    • Infermiere Professionali
    • Operatori Socio Sanitari
    • Terapisti della Riabilitazione
    • Educatori
    • Psicologi
    • Logopedisti
    • Terapista occupazionale

    Cosa offre

    • Prestazioni infermieristiche (prelievi; controllo parametri vitali; terapie iniettive; medicazioni semplici e complesse; ossigenoterapia; nutrizione parenterale; etc.)
    • Prestazioni fisioterapiche (kinesi passiva, kinesi attiva assistita, deambulazione assistita, massoterapia, riabilitazione neuromotoria, psicomotricità, valutazione presidi, trattamento disfagia)
    • Prestazioni assistenziali (igiene personale; trattamento e cura delle piaghe da decubito; affiancamento e formazione del familiare che assiste la persona anziana/disabile; etc.)
    • Prestazioni Logopediche, educative, di sostegno psicologico, di terapia occupazionale  

    Articolazione nel tempo

      Il servizio è garantito per sette giorni settimanali in ragione della risposta al bisogno collegato ai Piani di Assistenza individualizzati aperti.Gli uffici della Fondazione sono aperti nei giorni feriali dalle ore 8,00 alle ore 17,00 presso la Sede della Fondazione Bruno Pari di Ostiano ONLUS – Via G.B. Rosa n. 42 – Tel. 0372 856233 – 840481 - Fax 0372 840107. In caso di urgenze il riferimento rimane l’infermiera di turno della RSA.

      Quanto costa

      Il servizio è gratuito: il costo è totalmente a carico del Servizio Sanitario Regionale

      Per informazioni e l’attivazione del servizio

      Per informazioni e l’attivazione del servizio è necessario rivolgersi al Punto Informativo di questa Fondazione e specificatamente all’Assistente sociale dott.sa Uccellini Elisa oppure alla sig.ra Lionelli Serenella (OSS), contattabili dal lunedì al venerdì al numero 0372/856233 o via mail: